Scopri il misterioso proprietario di Victoria’s Secret

Scopri il misterioso proprietario di Victoria’s Secret

Victoria’s Secret è uno dei marchi più riconosciuti e amati nel settore dell’intimo femminile. Fondata nel 1977 da Roy Raymond, la compagnia oggi è di proprietà della L Brands e ha un fatturato annuo di miliardi di dollari. La sua immagine iconica comprende famose modelle come Adriana Lima, Gisele Bündchen e Tyra Banks, e il suo famoso fashion show annuale è uno degli eventi più attesi dell’anno. Ma chi è il proprietario di questo impero della moda? In questo articolo andremo a scoprire di più su Les Wexner, l’uomo che ha acquistato la Victoria’s Secret nel 1982 e ha fatto sì che diventasse quello che oggi conosciamo.

Vantaggi

  • Maggiore controllo sulla gestione del marchio: essendo il proprietario di Victoria Secret, si avrebbe una maggiore autonomia nella gestione del marchio, dalle strategie di marketing alla scelta dei fornitori e dei modelli. Si avrebbe quindi la possibilità di far evolvere il brand in modo più veloce ed efficace, rispondendo alle esigenze del mercato e degli acquirenti.
  • Maggiore redditività e profitto: come proprietario di Victoria Secret, si potrebbe beneficiare di una maggiore redditività e profitto rispetto a un’eventuale posizione di dipendenza da terzi. Infatti, il possesso diretto del brand consentirebbe di eliminare i costi di royalty e di intermediari, portando a una maggiore marginalità sui prodotti venduti e alla possibilità di investire maggiormente nei programmi di sviluppo e crescita aziendale.

Svantaggi

  • Immagine negativa: Victoria’s Secret è stata oggetto di critiche per la sua immagine sessualizzata delle donne e la scarsa diversità corporea all’interno della sua linea di prodotti. Ciò ha portato a proteste e boicottaggi da parte di gruppi di donne e attivisti dei diritti umani in tutto il mondo, mettendo in discussione la reputazione dell’azienda e il comportamento del proprietario.
  • Concorrenza: la concorrenza nel settore dell’abbigliamento intimo è sempre più feroce, con l’arrivo di nuovi marchi online e in-store che offrono alternative di alta qualità a prezzi più convenienti. Ciò potrebbe rappresentare una minaccia per Victoria’s Secret e il proprietario dell’azienda, costringendoli a rivedere la propria strategia di modo da rimanere competitivi e continuare ad aumentare il loro fatturato.

Chi è la proprietaria di Victoria’s Secret?

Dal 20 febbraio 2020, la proprietaria di Victoria’s Secret è diventata Sycamore Partners, un fondo di private equity che ha acquisito il controllo della società per 525 milioni di dollari. La società è stata valutata 1,1 miliardi di dollari al momento dell’acquisizione. Sycamore Partners ha preso il posto di L Brands, che era stata la proprietaria di Victoria’s Secret dal 1982. Sycamore Partners ha intrapreso un processo di ristrutturazione per la società, che ha subito perdite significative negli ultimi anni.

  La migliore cucina tradizionale italiana alla Trattoria Da Nandone!

Victoria’s Secret ha un nuovo proprietario, Sycamore Partners, dopo che il fondo di private equity ha acquisito la società per 525 milioni di dollari nel febbraio 2020. La società ha subito una significativa ristrutturazione per riprendersi dalle perdite degli ultimi anni, sotto la guida di Sycamore Partners. La società è stata valutata 1,1 miliardi di dollari al momento dell’acquisizione, sostituendo la precedente proprietaria L Brands, che ha detenuto il controllo dal 1982.

Perché Victoria’s Secret non organizza più le sue sfilate?

Victoria’s Secret ha deciso di sospendere le sue celebri sfilate-evento a seguito delle numerose critiche che avevano investito l’azienda, accusata di promuovere una cultura misogina, sessista e discriminatoria attraverso le sue campagne pubblicitarie. Il brand ha deciso di abbandonare la sua immagine stereotipata e poco rispettosa delle differenze e di puntare invece su valori di inclusione e diversità, evolvendo il suo modello di business. La decisione ha suscitato reazioni contrastanti, ma rappresenta un importante passo avanti nel percorso verso un’industria della moda più responsabile e rispettosa dei diritti delle donne.

Victoria’s Secret’s decision to suspend its famous fashion shows due to accusations of misogyny and sexism in its advertising campaigns reflects a shift towards a more inclusive and diverse business model. While the move has sparked mixed reactions, it represents an important step towards a more responsible fashion industry that respects women’s rights.

Qual è il guadagno mensile di una modella di Victoria’s Secret?

Le modelle di Victoria’s Secret guadagnano in media tra $8.333 e $83.333 al mese e, a volte, anche molto di più, in base all’esperienza e alla popolarità. Le modelle più pagate, come Gisele Bundchen e Adriana Lima, guadagnano cifre incredibili. Tuttavia, va detto che la paga di una modella di Victoria’s Secret varia anche in base alle loro mansioni, alle loro esperienze e ai loro contratti pubblicitari.

  Mani invisibili a Venezia: il mistero degli artigiani scomparsi

Le modelle di Victoria’s Secret possono guadagnare da $8.333 a $83.333 al mese, o anche di più, ma il loro stipendio dipende dalla loro esperienza, popolarità e incarichi. Ci sono anche i contratti pubblicitari da prendere in considerazione. Le modelle più pagate sono Gisele Bundchen e Adriana Lima.

La storia di Leslie Wexner: dal fondatore di The Limited al proprietario di Victoria’s Secret

Leslie Wexner è il fondatore di The Limited, un’azienda di abbigliamento che ha segnato gli anni ’80. Nel 1982, ha acquistato Victoria’s Secret, un piccolo negozio di lingerie, trasformandolo in un colosso di fama mondiale. Wexner ha portato Victoria’s Secret al successo attraverso l’innovazione del brand, la creazione di eventi di moda spettacolari e l’introduzione di profumi e cosmetici. Nel 2020, Wexner ha annunciato il suo ritiro da L Brands, la casa madre di Victoria’s Secret, dopo 57 anni di servizio. La sua carriera da imprenditore di successo ha lasciato un’impronta indelebile nell’industria della moda e del commercio al dettaglio.

Il fondatore di The Limited e l’ex presidente di L Brands, Leslie Wexner, ha tracciato la storia di Victoria’s Secret, portando il brand al successo nel mondo della moda e del commercio al dettaglio attraverso l’uso dell’innovazione del marchio, eventi spettacolari, profumi e cosmetici. Dopo 57 anni di servizio, Wexner ha annunciato il ritiro da L Brands nel 2020.

Victoria’s Secret: Una rivoluzione nel marketing della lingerie di proprietà di Leslie Wexner

Victoria’s Secret è stata fondata nel 1977 dall’imprenditore Leslie Wexner e ha rivoluzionato il modo in cui la lingerie è stata commercializzata. Piuttosto che essere considerata una necessità pratica, Wexner ha voluto posizionare la lingerie come un prodotto desiderabile e di lusso, progettata per farsi notare e per sentirsi bene. Ha creato un’immagine brandizzata di una donna elegante e sofisticata, con l’obiettivo di creare una percezione irresistibile del desiderio intorno ai suoi prodotti. Questa visione di marketing ha creato uno dei marchi di lingerie più riusciti e riconoscibili al mondo, a cui molte donne aspirano.

L’imprenditore Leslie Wexner ha innovato la commercializzazione della lingerie con l’intento di renderla un prodotto desiderabile e di lusso. Ha reso famoso Victoria’s Secret, uno dei marchi di lingerie più riusciti al mondo, attraverso l’immagine di una donna elegante e sofisticata, creando attorno ai suoi prodotti un’irresistibile percezione del desiderio.

  Scopri il Castello di Hogwarts nella realtà: il magico sogno diventa realtà

In sintesi, la storia di Victoria’s Secret e del suo proprietario è una traiettoria di successi, sfide e controversie che l’hanno resa un’icona dell’industria della moda e della lingerie. Dalle prime collezioni di intimo femminile fino alla creazione dello show annuale più seguito al mondo, la marca ha saputo consolidarsi come punto di riferimento per milioni di donne e uomini in tutto il mondo. Tuttavia, la gestione della società è stata anche oggetto di critiche e accuse di sessismo e misoginia, mettendo in discussione l’immagine del suo fondatore. Nonostante questo, il marchio continua a prosperare, dimostrando la sua capacità di adattarsi ai gusti e alle esigenze dei propri clienti, al di là delle controversie che lo circondano.

(138 parole)

Questo sito web utilizza i propri cookie per il suo corretto funzionamento. Facendo clic sul pulsante Accetta, lutente accetta uso di queste tecnologie e il trattamento dei suoi dati per questi scopi.   
Privacidad